222 Letture revisione auto 2018

Revisione auto 2018: tutte le novità del nuovo certificato

Consigli utili
settembre 15, 2018
Condividi: Facebook Google LinkedIn Tumblr Twitter Digg

La revisione auto è una procedura di controllo prevista dalla Motorizzazione Civile al fine di verificare che il mezzo sia in condizioni di totale sicurezza. Inoltre, è necessaria per controllare che il veicolo rispetti la normativa nazionale e internazionale in materia di emissioni inquinanti e rumorosità.

Dal maggio 2018, l’Italia si è adeguata alla nuova normativa europea che ha reso più rigidi i controlli sui veicoli. In sintesi, il nuovo certificato di revisione auto conterrà una valutazione complessiva dei controlli effettuati e l’effettivo numero dei chilometri percorsi dal mezzo. In questo modo, gli acquirenti di veicoli usati saranno molto più al riparo dalle truffe.

Leggi anche: Manutenzione auto: 5 controlli periodici da non dimenticare

Revisione auto: scadenze… e differenze

Nel caso di un’automobile appena uscita dal concessionario, dopo l’immatricolazione la prima revisione è prevista dopo 4 anni, e successivamente sempre ogni 2. Per le autovetture usate, invece, la scadenza è biennale sin da subito.

Bisogna fare chiarezza, però: c’è differenza tra revisione, tagliando e bollino blu: non confondeteli! La revisione è un check up “ufficiale” che vaglia lo stato dell’auto sotto molti aspetti. Il tagliando è un controllo che riguarda l’usura del veicolo, mentre il bollino blu (obbligatorio per auto e moto a diesel, benzina metano e gas) riguarda i gas di scarico.

Ricordiamo infine che circolare senza aver effettuato la revisione, oltre a essere pericoloso, può costarvi fino a oltre 600 euro di sanzione.

Leggi anche: Punti patente: cosa sono, come si perdono e come si recuperano

Revisione auto 2018: il nuovo certificato

Da quest’anno, il nuovo certificato della revisione auto diventerà un vero e proprio documento di identità del veicolo, che dovrà essere reso disponibile per via elettronica. Al termine di ogni controllo, Motorizzazione e ACI dovranno fornire al proprietario del veicolo un documento che certifichi l’avvenuta revisione, o meglio, il cosiddetto “certificato di revisione”.

Inoltre, dovranno comunicare elettronicamente i dati raccolti (compresi dei km effettuati dal veicolo) al Portale dell’automobilista, cioè al Ministero dei Trasporti.

Leggi anche: Noleggio auto: tutto quello che c’è da sapere prima di partire 

Nella carta di identità prevista dal nuovo certificato di revisione saranno presenti:

  • Numero di identificazione del veicolo;
  • Targa del veicolo;
  • Luogo e data di revisione;
  • I chilometri effettuati fino al momento del controllo;
  • Categoria del veicolo;
  • Carenze individuate e livello di gravità;
  • Risultato del controllo tecnico;
  • Data del successivo controllo tecnico o scadenza del certificato di revisione;
  • Nome di chi ha provveduto a effettuare le verifiche.

Leggi anche: Rottamazione auto: tutti i costi e i passaggi per demolire un veicolo

Dove effettuare la revisione auto e quanto costa?

La revisione auto si può effettuare presso tutte le Motorizzazione Civili al costo di 45 euro. In alternativa, potete rivolgervi a una delle tante officine autorizzate o a una agenzia ACI per circa 20 euro in più. Il controllo effettuato sul veicolo e il certificato di revisione rilasciato è ovviamente lo stesso. Quello che cambia, oltre al costo, è l’iter burocratico. Alla Motorizzazione dovrete occuparvi da soli delle scartoffie, e calcolare tempi più lunghi.

Scopri qui tutta la linea dei prodotti MyCar per la cura della tua auto!

scadenza revisione auto

Condividi: Facebook Google LinkedIn Tumblr Twitter Digg

Commenti: