330 Letture proteggere l'auto dal sole

Proteggere l’auto: le precauzioni da prendere quando si parcheggia all’aperto

Consigli utili
aprile 19, 2018
Condividi: Facebook Google LinkedIn Tumblr Twitter Digg

Come proteggere l’auto se non si possiede un box privato? La maggior parte delle persone parcheggia la propria automobile all’aperto, incustodita e soprattutto in balia di sole, pioggia e piccoli e grandi incidenti che possono danneggiare vetri e carrozzeria. Ma parcheggiare l’auto all’aperto significa anche rischiare multe, rimozioni e brutte sorprese. Insomma, gli inconvenienti sembrano tanti: cosa fare quindi? Vediamo insieme tutte le precauzioni da prendere per parcheggiare l’auto all’aperto senza preoccupazioni!

Leggi anche: Parabrezza scheggiato, ecco come ripararlo

Proteggere l’auto rispettando il codice della strada

Già: se si parcheggia l’automobile solo dove è consentito si limitano in partenza molti rischi, compreso quello della rimozione forzata, che molto spesso arreca danni alla carrozzeria dell’automobile. Il segnale del divieto di sosta è quello più inconfondibile ma fate attenzione anche ai divieti di fermata e ai divieti di sosta temporanei. Non parcheggiate in spazi troppo ristretti, troppo attaccati ai cassonetti dell’immondizia, a muri, muretti o ringhiere. I parcheggi più sicuri sono quelli consentiti! Un’ultima dritta: chiudete sempre gli specchietti laterali.

Leggi anche: Punti patente: cosa sono, come si perdono e come si recuperano

Coprire l’auto con un telo

È la prima protezione alla quale si pensa, e in effetti è una delle migliori. Il telo copriauto protegge i veicoli dagli agenti atmosferici, soprattutto da grandine, gelo, raggi ultravioletti e calore eccessivo, che nel tempo concorrono maggiormente a usurare l’automobile. In commercio esistono molti tipi di telo copriauto, diversi soprattutto per resistenza, materiale e impermeabilità. Le 2 tipologie principali sono il telo “morbido”, con elastico ai bordi, e il telo “antigrandine”, spesso almeno 5 mm. Esistono anche innovativi teli gonfiabili, che si srotolano sulla macchina e assicurano la massima protezione da grandine o cadute di terra o brecciolino. Molto comodi, ad esempio, quando si parcheggia sotto a un’impalcatura edile durante dei lavori in corso.

Leggi anche: Macchie di ruggine: come toglierle da soli dalla carrozzeria

Proteggere l’auto dal sole

Non solo la grandine ma anche il sole può avere effetti dannosi sulla vernice esterna e sulle parti in plastica e in gomma. Parcheggiate sempre all’ombra. Se l’ombra non è subito disponibile, cercate di capire come si muoverà il sole e dove si creerà dell’ombra in base alla posizione di palazzi e tettoie. Nelle ore più calde gli interni diventano roventi. In estate, proteggete volante e cruscotto con un parasole riflettente da sistemare sul parabrezza. Particolare attenzione al sole e agli effetti dei raggi sull’abitacolo deve essere posta da chi possiede sedili in pelle, che in estate rischiano di seccarsi e scolorirsi.

Leggi anche: Sedili auto: come pulire e far tornare nuovi quelli in pelle

Passare uno strato protettivo sulla carrozzeria

Le cere protettive per la carrozzeria dell’auto non migliorano solo l’aspetto estetico ma fungono da vera e propria barriera contro gli effetti degli agenti atmosferici. Una buona abitudine è passarle almeno 2-3 volte l’anno, alla fine di una accurata pulizia. Una cera rapida si passa in soli 5 minuti e garantisce un effetto antiopacizzante sulla vernice e una protezione dai danni dell’inquinamento e dei raggi UV. Le cere in pasta hanno una consistenza più spessa e formano un velo protettivo adatto a tutti i tipi di vernice.

Leggi anche: Cera per auto, come scegliere quella giusta per la vostra carrozzeria

Non parcheggiare sotto agli alberi

Se gli alberi o le piante riparano la nostra auto dal sole grazie all’ombra naturale, non sempre parcheggiare sotto di loro è una buona idea. Polline, resine, fiori e ramoscelli possono attaccarsi alla vernice esterna. La resina è una sostanza difficile da eliminare: appiccicosa e zuccherina, se si prova a rimuovere con un semplice panno si attacca come fosse colla spandendosi ancora di più. A lungo andare, le macchie di resina diventano permanenti.
I ramoscelli e gli escrementi degli uccelli, invece, sono dannosi perché possono graffiare o corrodere la vernice. Se però non avete altra scelta, cercate di rimuovere il prima possibile le incrostazioni che si sono depositate sull’automobile con un prodotto come il Rimuovi Colla, Resina e Catrame MyCar, che essendo in gel avvolge e porta via anche i residui più difficili.

Per profumare gli interni dell’auto

Dopo aver protetto la vostra auto con uno dei consigli che vi abbiamo dato qui sopra, potete pensare a profumarla! Scegliete la vostra fragranza ideale e appendetela in auto! Scoprite la linea dei prodotti Arbre Magique®: non solo tutti i nuovi alberelli della collection 2018, ma anche Clip, Bel Air e il nuovissimo POP!

Scopri qui tutta la linea dei prodotti MyCar per la cura della tua auto!

proteggere l'auto dalla grandine

Condividi: Facebook Google LinkedIn Tumblr Twitter Digg

Commenti: